Ray Caesar, l’artista del femminile grottesco e del surrealismo più inquietante

Con Ray Caesar, dimenticatevi Alice nel paese delle meraviglie. Dimenticatevi anche le fiabe di principesse felici e contente. Entrate invece, in un mondo che di meraviglioso ha ben poco. Un mondo dove tutto è decadente: bellezza femminile compresa. Ed è qui che si colloca Ray Caesar, l'artista pop surrealista dell'inquietudine femminile più spietata e malinconica dell'ultimo secolo.
ray caesar consort study

Ray Caesar - "Consort Study"

Ray Caesar nasce a Londra nel 1958 ma è costretto a trasferirsi in Canada ancora in giovane età insieme a tutta la famiglia. La sua infanzia ed adolescenza viene profondamente segnata dalla violenza del padre, uomo poco equilibrato e paziente. Come difesa a questa violenza e, più in generale, alla follia di questo mondo, Ray Caesar si rifugia in un mondo tutto suo, dove ritorna ogni volta che la realtà lo spaventa. "Se qualcosa mi minaccia chiudo gli occhi e penso ad altro, viaggio con la mente: mi aiuta a stare meglio", ammette egli stesso, e aggiunge "mi rintanavo nei miei disegni, che facevo praticamente dappertutto nella vecchia casa di Londra, perfino su pavimenti e pareti. Quando ci siamo trasferiti la musica non è cambiata, era più forte di me!" Influenzato anche dal romanticismo e dalla cultura francese, Ray comincia a sviluppare un proprio punto di vista artistico del mondo e dà vita ad uno stile molto personale. Il risultato di tutto questo? Con un programma chiamato 3D Maya, Ray Caesar si dedica all'arte digitale, creando e stampando su carta fotografica delle meravigliose ma inquietanti opere raffiguranti soprattutto bambini e ragazze.

Ecco un assaggio di 3D Maya...non sembra un programma semplice da usare, e in effetti non lo è!

I bambini sono spesso rappresentati mutilati, feriti o agonizzanti. Questa scelta è legata al suo trascorso in un ospedale per bambini, dove i corpi lesionati di altri ragazzi impressionarono molto la sua già fragile personalità. Le ragazze invece presentano parecchie interessanti sfaccettature. ASPETTO ESTERIORE: Di solito queste ultime vengono rappresentate con un volto pallido e delle labbra color rosso sangue, in netto contrasto con la pelle bianco latte. I richiami con la malattia e la morte sono evidentissimi.
ray caesar bride

Ray Caesar - "The Bride"

ASPETTO INTERIORE: Sembrano angeli ma hanno un qualcosa di fortemente inquientante. Il loro atteggiamento è subdolo, lascivo e seduttore, in tono con lo stile degli abiti, che spesso lasciano scoperte ampie porzioni di corpo. Al contempo però, l'apparente aria di innocenza ed ingenuità le rende tragicamente grottesche e spaventose. Sembrano l'incarnazione del male celato dietro le sembianze di una bella ragazza.
ray caesar asterion

Ray Caesar - "Asterion"

Ecco qui altre eccezionali opere dell'artista:
ray caesar

Ray Caesar - "La chambre" (volete sapere il prezzo di quest'opera? Circa 4500 euro)

"Kingdom"

ray caesar

"Guardian"

 

"Daybreak"

"Dark Angel study"

"L'Accord d'Amour"

"Trouble Child"

"Sanctuary"

ray caesar

"Castor"

"Blessed"

"The Waiting Wife Study"

 

"Blackbird"

"Sisters"

"Self Examination"

"Night Call"

"Calamity"

"Fallen" (notare: "fallen" significa "caduta" perchè in effetti la ragazza rappresentata è caduta. Ma il ghigno malefico con cui vi guarda sembrerebbe veramente dire "aiutami?". Avete appena capito l'arte di Ray Caesar!

ray caesar

"Artemis"

"Fireflies" (Lucciole...ecco un esempio di ragazzo)

 

"Sleeping Beauty" (La bella addormentata)

Fermi! Il viaggio non è ancora finito... il sito di Ray Caesar è qualcosa di soavemente inquietante, giusto per restare in tema! Ray Caesar: sito ufficiale Vi invito calorosamente a farci un salto anche solo di 10 secondi...partirà una dolce e malinconica melodia che vi accompagnerà nella visita. Merita anche scendere in basso, fino in fondo alla pagina, e cliccare sul grammofono che si muoverà non appena ci passerete il mouse sopra. Provate poi a cliccarci sopra! La musica cesserà di suonare e il grammofono...beh, scopritelo! Piaciuto l'articolo? Condividi il tuo inquietante viaggio con altri appassionati...
Questo articolo è stato pubblicato in Senza categoria e contrassegnato come , , , , , , , , da Box . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su Box

Ciao, mi chiamo Box. O meglio, gli amici mi chiamano Box (il mio nome l'ho scordato da tempo). Mi chiamano così perchè porto una scatola in testa. Quando ero piccolo la mamma mi diceva sempre "non lasciarti scappare le idee che ti vengono, ma realizzale! E' importante avere delle idee, dei sogni...i sogni sono ciò che ti rende diverso dagli altri". Così da allora mi sono messo una scatola in testa, in modo che se un'idea avesse provato a scappare non ce l'avrebbe fatta, perché sarebbe rimasta bloccata nella scatola, e non l'avrei mai più dimenticata. Il mio nome, quello l'ho dimenticato! Deve essere volato via dalle fessure degli occhi, a volte mi capita... Mi piacciono le lunghe passeggiate in posti sperduti, amo viaggiare ed ascoltare musica caricante da sparare a tutto volume in cuffia e adoro fare foto. Sembro timido ma se prendo confidenza divento un tipo super simpatico con cui poter fare grandi conversazioni. Sono eccentrico, stravagante e sbadato. Vado matto per misteri e curiosità! Sono ghiotto di sushi.