L’Ossario di Sedlec: uno dei 10 luoghi più spaventosi al mondo

L’Ossario di Sedlec è una cappella cristiana collocata nei pressi del cimitero della Chiesa di Ognissanti a Sedlec, Repubblica Ceca. L’ossario contiene gli scheletri (o quel che ne resta) di circa 40mila persone.
“Fin qui tutto normale: è un’ossario, cosa vuoi che contenga?” direte voi. E avreste ragione nel dirlo, se non fosse che tutte le ossa dei suddetti scheletri nel 1870 furono sistemate in modo molto “artistico” per decorare l’intero edificio…all’incirca così:

ossario di sedlec luoghi piu spaventosi al mondo

(Photograph by Neil Girling (mr. nightshade on Flickr) | theblight.net):

ossario di sedlec

ossario di sedlec luoghi più spaventosi al mondo

Per chi avesse bisogno di un ripasso…

Gli ossari erano dei luoghi in cui depositare i resti ossei dei corpi deceduti da molto tempo. Quando occorreva nuovo spazio per seppellire nel cimitero i corpi freschi di decesso, si dissotterravano le bare deposte lì anni prima, le si apriva e si collocava appunto lo scheletro ivi contenuto all’interno di un ossario. In questo modo si liberava dello spazio per la bara del cadavere “nuovo arrivato”.

ossario di sedlec

luoghi più spaventosi al mondo

La storia dell’Ossario di Sedlec

Nel 1142 fu trovato un monastero circense presso Sedlec. Il re Otakar II di Bohemia mandò l’abate della città di Sedlec, Enrico, in una missione diplomatica in Terra Santa, nel 1278. Prima di lasciare Gerusalemme per tornare dal suo re, il frate portò con sé una giara contenente della terra raccolta dal suolo di Golgota e la disperse all’interno del cimitero di Sedlec.
Ben presto il cimitero divenne famoso per questa storia. Molte persone provenienti da tutta 
Europa, in particolare i signori dei ceti più ricchi, da allora fecero seppellire i propri cari a Sedlec: era convinzione comune infatti che i corpi seppelliti in quel luogo, cosparso della terra di Gerusalemme, avrebbero trovato la salvezza eterna per la propria anima.

Nel corso degli anni però i posti cominciarono a scarseggiare all’interno del cimitero. Il motivo era legato al boom delle morti dovute alla Peste Nera e alle crociate del tempo.
Si decise così di allargarlo ulteriormente, finché i monaci non sentirono il bisogno di costruire un ossario all’interno del cimitero, così da poter riesumare i corpi seppelliti, depositarne le ossa al suo interno e liberare spazio per nuovi cadaveri.

Nel 1870František Rint, un intagliatore al servizio del duca di Schwarzenberg, come soluzione finale al problema della mancanza di spazio per i seppellimenti e per la deposizione di ossa, ebbe l’idea di riutilizzare i resti accumulati nei magazzini della chiesa per creare la macabra decorazione della cripta.
Si adoperarono teschi per ornare i soffitti e le arcate, così come si utilizzarono ossa perfino per costruire vere e proprie sculture e opere d’arte: tra queste ricordiamo l’enorme candeliere composto da teschi ed ossa incastrate tra loro, il pregiato ornamento dell’altare, nonché il gigantesco stemma degli Schwarzenberg.

ossario di sedlec

wasterpiece ossario di sedlec luoghi più spaventosi al mondo

Ogni tanto, mentre disseppellivano i feretri il cui contenuto era da trasferire all’ossario, i monaci trovavano misteriosamente alcune bare già vuote. Non vi erano segni che potessero lasciar pensare ad un atto di vandalismo o di trafugazione di un corpo, perchè la struttura della bara era integra ed intatta…

wasterpiece

Questo è l’Ossario visto da fuori, attorniamo da tombe e monumenti di ogni genere:

ossario di sedlec

Una soluzione senz’altro macabra ma al contempo di interessantissimo valore e gusto artistico che merita di classificarsi tra i 10 luoghi più spaventosi al mondo. Andateci di notte da soli, potreste scoprire di avere anche voi qualche scheletro nell’armadio!
Se l’articolo è stato mortalmente interessante, condividilo! :)

Pssst…Il decimo ed ultimo luogo più spaventoso lo deciderai tu…partecipa oggi al concorso, aperto fino al 25 agosto! (leggi qui il regolamento)

Questo articolo è stato pubblicato in Arte&Scienza, Curiosità e contrassegnato come , , , , da Box . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su Box

Ciao, mi chiamo Box. O meglio, gli amici mi chiamano Box (il mio nome l'ho scordato da tempo). Mi chiamano così perchè porto una scatola in testa. Quando ero piccolo la mamma mi diceva sempre "non lasciarti scappare le idee che ti vengono, ma realizzale! E' importante avere delle idee, dei sogni...i sogni sono ciò che ti rende diverso dagli altri". Così da allora mi sono messo una scatola in testa, in modo che se un'idea avesse provato a scappare non ce l'avrebbe fatta, perché sarebbe rimasta bloccata nella scatola, e non l'avrei mai più dimenticata. Il mio nome, quello l'ho dimenticato! Deve essere volato via dalle fessure degli occhi, a volte mi capita... Mi piacciono le lunghe passeggiate in posti sperduti, amo viaggiare ed ascoltare musica caricante da sparare a tutto volume in cuffia e adoro fare foto. Sembro timido ma se prendo confidenza divento un tipo super simpatico con cui poter fare grandi conversazioni. Sono eccentrico, stravagante e sbadato. Vado matto per misteri e curiosità! Sono ghiotto di sushi.