Marius giraffa uccisa senza pietà in uno zoo davanti ai visitatori incuriositi

Vorrei richiamare un attimo di serietà per Marius giraffa uccisa a soli 18 mesi perchè tristemente preda delle leggi presenti nello zoo e negli zoo in generale. E' successo la mattina del 9 febbraio 2014 in Danimarca. Posteremo il video (in inglese) a fine articolo, per cui consigliamo di leggere prima la cronaca e poi, solo per chi se la sente (ATTENZIONE: sono immagini forti), il filmato. marius giraffa uccisa
Primo piano del musetto di Marius...prima dell'accaduto :(
Una delle regole degli zoo europei, dunque anche di quello di Copenhagen, luogo dell'accaduto, stabilisce infatti che gli esemplari ospitati non devono essere frutto di rapporti tra consanguinei (parenti); nel caso in cui ciò accada, gli esemplari suddetti devono, per motivi di conservazione della specie, essere abbattuti. "Perché non cederlo ad un altro zoo?" viene da chiedersi. La risposta è semplice: perchè in qualsiasi altro zoo la legge sancita sarebbe comunque stata applicata. E si sa che alla legge non si disobbedisce... Molte ed inutili purtroppo sono state le lotte degli animalisti per evitare il tragico finale. Il povero mammifero è stato ucciso con un colpo di pistola alla testa e dissezionato innanzi agli occhi incantati della gente e dei bambini, come fosse uno spettacolo teatrale. Alcune parti infine, sono andate a saziare la fame dei leoni del posto mentre le rimanenti sono state destinate ad esperimenti scientifici. Si è scelto il colpo di pistola alla testa invece che la classica iniezione letale per evitare che la sua carne, data in pasto alle altre belve, non si contaminasse del liquido mortale contenuto nella siringa adoperata. E così meglio la pistola, no? Questa piccola giraffa di un anno e mezzo è stata uccisa perché non c’era posto per lei dietro le sbarre dello zoo. Utilizzata come fenomeno da baraccone, il suo abbattimento si è trasformato in uno spettacolo per grandi e piccini mentre la sua dissezione è stata più un regalo di compleanno per i leoni della gabbia accanto. NON CI SONO PAROLE, QUESTE COSE NON DOVREBBERO ACCADERE. Ecco il triste filmato: