Linguaggio del corpo nei fumatori

Il linguaggio del corpo nei fumatori è una delle cose più interessanti da analizzare. Una persona nervosa solitamente giocherella con un oggetto nella tasca, cammina avanti e indietro o guarda compulsivamente il cellulare per controllare l'ora: un fumatore si accende una sigaretta.
Le teorie sul fumo sono infinite e non le elencheremo di certo tutte...
Carenza di affetto? Può darsi, infatti il tenere un oggetto piccolo tra le labbra e succhiare/aspirare ricorda quando da piccoli venivamo allattati al seno materno.
Insicurezza? Probabile. Vi è mai capitato (parlo a voi fumatori), di pensare "che situazione imbarazzante...fammi accendere una sigaretta" e di sentirvi più sicuri dopo esservela accesa? Ecco! Oggi tuttavia parleremo non del perchè uno fuma, ma del COME, del CHE COSA e del CHI! Per esempio...

DIREZIONE E RAPIDITA’ DI EMISSIONE

FUMARE VERSO L’ALTO: Chi fuma verso l’alto è sicuramente di buon umore, ha qualche buona idea che gli gira per la testa ed ha una buona disposizione verso il prossimo in quel momento. E' inoltre un gesto fatto da chi vuole apparire sicuro di sé (e spesso si sente tale).

FUMARE VERSO IL BASSO: Meglio lasciar stare chi fuma soffiando verso il basso. Probabilmente è arrabbiato o infastidito per qualcosa ma non lo vuole dire. Vorrebbe tirar fuori la rabbia che ha dentro come fumo!

FUMO EMESSO DALLE NARICI:Chi emette fumo dalle narici è sicuro di sé, sa quel che fa e sicuramente è anche una persona determinata e grintosa. E’ tipico dei leader carismatici e di chi sa fare bene quello che sta facendo.

FUMO SOFFIATO RAPIDAMENTE: Persona molto tesa e nervosa. Qualche noia in arrivo.

FUMO SOFFIATO LENTAMENTE: La persona in quel momento è molto rilassata e tranquilla o se non altro sta cercano di esserlo.

linguaggio del corpo nei fumatori

COME SI FUMA?

FUMARE CON LA SIGARETTA RIVOLTA VERSO IL PALMO INTERNO DELLA MANO: Si tratta di una persona cauta e spesso chiusa in sé. La mano infatti è uno scudo in quel momento. Chi fuma così si isola spesso dagli altri e difficilmente comunica agli altri ciò che gli frulla in testa. Se per giunta la sigaretta è rivolta verso il basso la persona soffre di un complesso di inferiorità nascosto.

FUMARE CON LA SIGARETTA TENUTA STRETTA TRA LE PUNTE DI DUE DITA: E’ sicuramente una persona elegante e fine che riesce a curare molto se stessa ed il lato estetico di ciò che la circonda. Non ci sarebbe da sorprendersi se fosse un artista, un letterato, uno stilista o... una ricca ereditiera!

GUARDARE LA SIGARETTA CHE SI FUMA: E’ una persona che si fida poco di ciò che sente in giro e preferisce fidarsi di se stessa e delle proprie convinzioni, spesso tramutate in vere e proprie ostinazioni (così come guarda ostinatamente la propria sigaretta!)

MORDERE LA SIGARETTA: Si tratta di una persona aggressiva che ama arrivare subito al dunque. Non scende a compromessi e desidera che i discorsi che si fanno con lei siano sempre stretti e concisi. Attenzione perchè potreste essere voi la vittima di una sua “aggressione”!

SIGARETTA TRA INDICE E MEDIO: Persona insicura che nei momenti di pericolo arriva a compiere cose spesso inaspettate, talvolta anche fatali ad altri! Per quanto apparentemente tale gesto possa trasmettere sicurezza a coloro che ne sono spettatori, sarebbe meglio che non vi fidaste di chi lo fa.

SIGARETTA TRA POLLICE ED INDICE: persona estroversa ed espansiva. Talvolta potreste sentirvi leggermente messi in stato di ansia dalla sua esuberanza.

SIGARETTA TRA MEDIO ED ANULARE: Sono davvero rari gli individui così, ma si tratta di persone tanto rare quanto vanitose. La loro superficialità è smisurata. Attenzione al loro orgoglio, è facilmente intaccabile e può innescare reazioni pericolose.

PICCHIETTARE insistentemente IL BOCCHINO DELLA SIGARETTA PER FAR CADERE CENERE “INESISTENTE”: Chi picchietta insistentemente sulla sigaretta per far cadere la cenere anche se questa è già caduta, dimostra di essere molto nervoso in quel momento e quasi sicuramente vorrebbe essere altrove perchè la situazione attuale lo agita molto.

SPEGNERE LA SIGARETTA CON UN GESTO SBRIGATIVO: la persona che lo sta facendo sta per andarsene o vorrebbe farlo. Potete cercare di farla rimanere in vostra presenza sorprendendola con un’uscita interessante e sbalorditiva oppure sorprenderla con l’ultima cartuccia disponibile che avete: andarvene prima voi!

FUMARE UNA SIGARETTA SOLO A META’ E POI SPEGNERLA: (facilmente osservabile non solo durante, ma anche dopo, guardando il posacenere di quella persona) è una persona nervosa, superficiale o distratta.

SPEGNERE I MOZZICONI SCHIACCIANDOLI CON FORZA: è il simbolo di una personalità interiore aggressiva e desiderosa di imporsi a tutti i costi sugli altri.

 

Ecco il fumo come potrebbe essere visto se noi potessimo vedere il colore che assumono i nostri polmoni con il tempo. Non si parla che di qualche anno di fumo!

DIMMI COSA FUMI E TI DIRO’ CHI SEI

PIPA: sono persone che hanno un’alta concezione di sé e ne vanno fiere. Sono anche persone a cui piace rilassarsi e fare le cose con calma e tranquillità, seppur bene (fin troppo!)

SIGARO: sono persone sicure di sé e spesso portate al buonumore. Sono però anche individui solitari che preferiscono sbrigare le proprie faccende da soli: il loro motto è "chi fa da sé fa per tre!".

SIGARETTE: sono persone dalla vita spesso frenetica che riescono a fare anche più cose contemporaneamente, anche se questo spesso significa farle tutte male o approssimativamente bene. Non gli piace perdere tempo e si innervosiscono facilmente.

  linguaggio del corpo nei fumatori

FUMARE NEI GIOVANI (se sei un figlio o un genitore leggi qui)

Le cause più comuni sono le seguenti:

  • emulazione dei propri coetanei: spesso si fuma perchè lo fa l’amico o per sentirci accettati nel gruppo.
  • bisogno di sentirsi grandi: giovani e giovanissimi hanno la convinzione inconscia che fumare sia sinonimo di “essere grandi”. Non sarà mai troppo tardi fargli capire che aver giocato a fare i grandi gli costerà salute, soldi, litigi, nervosismo, denti gialli e...chili di troppo!
  • ribellione: purtroppo intesa non positivamente. Spesso il giovane che fuma sta chiedendo aiuto. Ha probabilmente uno o entrambi i genitori che non si curano di lui o non gli fanno percepire abbastanza calore genitoriale. Consigliabile ai genitori una maggiore presenza ed un maggiore interesse nelle attività e nella vita dei figli. Ai figli invece consiglio vivamente di parlarne con i genitori in modo aperto e sincero. Le vere ribellioni della storia si sono fatte a parole prima e a fatti dopo. Purtroppo non si ricordano fumatori nei libri di storia…..
  • piacere: se nel leggere questa parola hai appena detto “ecco, questo è il mio caso” hai appena scoperto di avere una dipendenza dal fumo. Questa è la causa più grave di tutte (ed anche la più mortale). E naturalmente ti rimando a trovare le cause profonde del tuo fumare ai punti precedenti. Attento! La vita felice è quella che fanno coloro che non hanno bisogno di una sigaretta per dirsi "ora sto meglio"! Se una sigaretta ti rende felice, vuol dire che non hai altro che ti entusiasmi veramente. Da amico, consiglio di trovarti una persona che non fumi e sia disposta ad aiutarti ad entrare nell’ottica dei vincenti!
linguaggio del corpo nei fumatori Piaciuto l'articolo? Condividilo e fai perdere a qualche fumatore il vizio! (o perché non smettere insieme?)
Questo articolo è stato pubblicato in Arte&Scienza, Curiosità, Fai-da-te, Salute e Benessere, Società e contrassegnato come , , , , da Box . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su Box

Ciao, mi chiamo Box. O meglio, gli amici mi chiamano Box (il mio nome l'ho scordato da tempo). Mi chiamano così perchè porto una scatola in testa. Quando ero piccolo la mamma mi diceva sempre "non lasciarti scappare le idee che ti vengono, ma realizzale! E' importante avere delle idee, dei sogni...i sogni sono ciò che ti rende diverso dagli altri". Così da allora mi sono messo una scatola in testa, in modo che se un'idea avesse provato a scappare non ce l'avrebbe fatta, perché sarebbe rimasta bloccata nella scatola, e non l'avrei mai più dimenticata. Il mio nome, quello l'ho dimenticato! Deve essere volato via dalle fessure degli occhi, a volte mi capita... Mi piacciono le lunghe passeggiate in posti sperduti, amo viaggiare ed ascoltare musica caricante da sparare a tutto volume in cuffia e adoro fare foto. Sembro timido ma se prendo confidenza divento un tipo super simpatico con cui poter fare grandi conversazioni. Sono eccentrico, stravagante e sbadato. Vado matto per misteri e curiosità! Sono ghiotto di sushi.