I 4 segreti per passare la maturità con risultati eccellenti!

segreti per passare la maturità

Respira. Hai appena aperto questo articolo e già stai sudando. No, forse quello è il caldo. In ogni caso, abbi fiducia, stai per scoprire 5 utilissimi trucchi che ti permetteranno di passare degnamente la maturità senza restarci secco.

Puoi già salvare questa pagina nei preferiti, perchè potrebbe rivelarsi la tua Bibbia nelle prossime 2 settimane!

Affronteremo 4 aspetti comuni a tutti gli esami di maturità e soprattutto a tutti i poveri studenti che andranno a prendere parte al massacro: emotivo – come rilassarsi e gestire l’ansia, tecnico – come si svolge l’esame e come portare tutto a tuo favore, mnemonico – come memorizzare le informazioni al meglio, tattico – qualche dritta per conoscere il nemico e renderlo tuo amico.

ASPETTO EMOTIVO:

Cominciamo con un aspetto basilare e spesso sottovalutato da molti: le emozioni.
Nel periodo della maturità l’ansia regna sovrana e questo può portarci a compiere errori di cui potremmo pentirci. Fortunatamente qui vi illustreremo come gestirla e trasformarla in energia positiva per memorizzare le informazioni da esporre alla commissione nell’orale.
Vi proponiamo un esercizio di rilassamento mentale ed uno di rilassamento fisico. Fate prima quello psicologico perchè è la mente che influenza il corpo, non viceversa.

Esercizio di rilassamento mentale: mettetevi seduti su una sedia, mani appoggiate alle ginocchia e piedi appoggiati a terra. Il tutto in una posizione di completo rilassamento. Adesso, assicuratevi di essere in un luogo tranquillo o comunque di non essere disturbati e chiudete gli occhi. Inspirate lentamente l’aria all’interno e rilasciatela altrettanto lentamente al di fuori. Ripetete questo passaggio per 5 o 6 volte cercando di liberare la mente dai pensieri.
Adesso procedete al passaggio 2: continuate a respirare e nella mente immaginatevi e fissate lentamente i seguenti colori nell’ordine che segue: ROSSO, ARANCIONE, GIALLO, VERDE, AZZURRO, INDACO, VIOLETTO. Ripetete la sequenza dei colori per 3 volte.
Infine, passaggio 3: adesso immaginate voi stessi in un luogo in cui vi piacerebbe essere (la spiaggia di un’isola deserta, una baita in montagna, su una barca in mezzo al mare, il una lussuosa suite d’albergo…) e immaginate di fare qualcosa che vi piacerebbe fare in questo luogo. Immaginate la scena più idilliaca che vi venga in mente e fissatela finchè non vi sentite rilassati e sereni.
Fatto questo aprite lentamente gli occhi e fate una pausa di 5 minuti. Dopodichè se necessario procedete all’esercizio per il corpo.

segreti per passare la maturità

 

Esercizio di rilassamento fisico: sdraiati e mettiti comodo, con un abbigliamento che favorisca il movimento. Assicurati di non essere disturbato.
Comincia a contrarre le dita dei piedi al massimo che puoi per 5 secondi, senza arrivare a sentire male e poi decontrai. Ripeti un paio di volte. Prosegui verso l’alto e contrai le caviglie, quindi le gambe. Tutto con lo stesso procedimento (5 secondi).
Ora prosegui contraendo le dita delle mani, poi i polsi, le braccia, le spalle, gli addominali, i pettorali, la schiena, il collo ed infine il viso (nell’ordine fornito).
Per concludere contrai contemporaneamente tutti i muscoli del corpo per 5 secondi e rilascia. Ripeti anche questo per un paio di volte.

Ricorda infine che l’assenza di ansia o l’eccesso di ansia non sono mai una cosa buona. L’ansia infatti aumenta e migliora la nostra capacità di elaborare informazioni in modo rapido e di reagire meglio agli stimoli che noi consideriamo pericolosi. Quindi una minima dose di ansia ci deve essere, accettala e gestiscila come proposto :)

ASPETTO MNEMONICO:

Come memorizzare quella valanga di informazioni senza impazzire? E’ il problema di molti alla maturità. Ma fortunatamente è un problema che si può risolvere con questi 5 consigli:

1) Non studiare tutto all’ultimo secondo. Organizzati un calendario di studio in cui giorno per giorno stabilisci da che ora a che ora studiare che cosa.
Es:
Lunedi: 9.30 – 11.30 Italiano; 11.40 – 13.40 Scienze; 13.40 – 14.00 pausa pranzo… etc…

In questo modo non sprecherai tempo nel decidere cosa fare e quando farlo perchè l’avrai deciso già in anticipo.

2) Non sottolineare mentre leggi. Leggi prima tutto un argomento (magari spezzandolo in blocchi di tot pagine). Poi leggi solo le parti che hai sottolineato. Infine ripeti i concetti principali di ciò che hai appena letto e rivedi quelli che non ti sei ricordato.

3) Ricordati le cose dette in classe. Spesso si fa troppo affidamento sui libri e si trascura ciò che l’insegnante davvero vorrebbe sentirsi dire su quell’autore. Cercate di rivedere anche gli appunti e capire che cosa si aspetta l’insegnante da voi quando vi chiede quel dato argomento.Molti professori si infastidiscono quando nell’interrogazione l’allievo trascura ciò che è stato spiegato in classe.

4) Ciò che non ti entra proprio in testa, prova a rileggerlo varie volte ad alta voce invece che mentalmente. Leggere ad alta voce aiuta a concentrarsi. Per potenziare ulteriormente il processo di concentrazione puoi tenere il segno col dito o con una penna su ciò che stai leggendo, scorrendolo/a man mano che procedi nella lettura sulla pagina.

5) Preparati degli schermi scritti che riassumano i nuclei principali di quei dati argomenti. Avete presente le parole in neretto che di solito mettono i libri? Ecco, quelle non dovrebbero quasi mai mancare nel vostro mega schema riassuntivo. Fatene comunque una buona selezione! Gli schemi devono aiutarvi a ricordare: non fate cose troppo sintetiche e striminzite ma nemmeno poemi.

segreti per passare la maturità

ASPETTO TECNICO: 

Ecco alcune regole e comportamenti da adottare per portare la commissione a proprio favore e fare una bella figura all’esame. Presentarsi in un certo modo alla maturità ha i suoi vantaggi! Ricordo che in una scuola ci furono un ragazzo ed una ragazza della stessa classe che erano candidati entrambi al 100 di maturità. All’orale lei si presentò ben vestita e, dopo un’esposizione eccelsa, uscì con 100. Lui, sicuro di sé e convinto che bastasse sapere bene le cose per avere il 100, si presentò in pantaloncini corti senza le copie della mappa concettuale da consegnare ai professori. La commissione lo bombardò senza pietà delle domande più difficili e controverse e…morale? Uscì con 96. Leggete qui e farete un figurone:

  • Presentatevi sia agli scritti che all’orale in una tenuta decorosa e sobria. Per gli uomini si consigliano assolutamente i pantaloni lunghi (in fondo ci saranno solo 30 gradi all’ombra) e la camicia.
  • Se vi viene posta una domanda fuori programma fatelo presente immediatamente. E’ un vostro diritto appellarvi a qualcosa che non potete sapere. Se però cominciate a rispondere pensando “questa non c’era nel programma”, consideratevi f**uti. Ora che avete risposto si aspetteranno che continuiate!
  • Siate sempre gentili e disponibili con tutti: allievi ed insegnanti.
  • Non parlate sopra ad un insegnante che sta parlando o che vi sta ponendo una domanda, anche se conoscete già la risposta.
  • Non fate mai calare il silenzio. Parlate finchè non vi fermano, piuttosto se non avete più nulla da dire collegatevi ad un altro argomento in qualche modo ma non tacete di colpo guardando con aria da martire la commissione.
  • Di solito all’orale i vari insegnanti sceglieranno degli argomenti pertinenti alla vostra tesina. Assicuratevi di essere preparati a determinate domande così da saper già rispondere. In breve, siate sicuri di conoscere tanto bene la vostra tesina quanto tutti gli argomenti che ad essa si potrebbero collegare.
  • Preparate una mappa concettuale della vostra tesina e consegnatene una copia ad ogni insegnante. Non consegnatene solo una al Presidente di Commissione. Gli altri insegnanti potrebbero infastidirsi.
  • Guardate negli occhi l’insegnante che vi sta interrogando. Non abbassate lo sguardo o guardate altrove. Non giocherellate con oggetti o con le dita e non fate facce assurde.
  • Sorridete sempre anche in caso di errore e cercate di recuperare in modo leggero il problema.
  • Siate pronti a sapere che cosa avete sbagliato negli scritti: ve lo chiederanno di sicuro di correggerli!

segreti per passare la amturità

ASPETTO TATTICO:

Esistono poi dei trucchetti per aiutarvi a capire chi avete davanti. Noi vi presentiamo i due più efficaci:

1 – Esiste una pagina in cui basta inserire il cognome di un professore abbinato al suo nome e subito vi verrà fornita una scheda di quel prof, appositamente recensito dai suoi stessi allievi. Questo significa che se sapete il nome e cognome dei professori esterni che avrete in commissione all’esame, potete conoscerli ancora prima di averci a che fare. Qui di seguito il link: Cerca il Prof

2 – Qui invece è possibile avere l’elenco dettagliato di tutte le prove sostenute da tutti gli istituti e licei (classico, scientifico, tecnico…) dal 1999 al 2013…chissà che non riusciate a prevedere le domande studiando quelle degli anni prima! Prove anni precedenti

Qui si conclude la guida. Se avete qualche cosa da aggiungere fatecelo sapere e la integreremo! Intanto un grande in bocca al lupo a tutti voi da Box, Hannibal e Bet! :)

Consigliamo caldamente di condividere l’articolo nei gruppi privati delle vostre classi heheheheh (è un segreto! Shhhh)

Questo articolo è stato pubblicato in Fai-da-te, Senza categoria, Società e contrassegnato come , , , da Box . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su Box

Ciao, mi chiamo Box. O meglio, gli amici mi chiamano Box (il mio nome l'ho scordato da tempo). Mi chiamano così perchè porto una scatola in testa. Quando ero piccolo la mamma mi diceva sempre "non lasciarti scappare le idee che ti vengono, ma realizzale! E' importante avere delle idee, dei sogni...i sogni sono ciò che ti rende diverso dagli altri". Così da allora mi sono messo una scatola in testa, in modo che se un'idea avesse provato a scappare non ce l'avrebbe fatta, perché sarebbe rimasta bloccata nella scatola, e non l'avrei mai più dimenticata. Il mio nome, quello l'ho dimenticato! Deve essere volato via dalle fessure degli occhi, a volte mi capita... Mi piacciono le lunghe passeggiate in posti sperduti, amo viaggiare ed ascoltare musica caricante da sparare a tutto volume in cuffia e adoro fare foto. Sembro timido ma se prendo confidenza divento un tipo super simpatico con cui poter fare grandi conversazioni. Sono eccentrico, stravagante e sbadato. Vado matto per misteri e curiosità! Sono ghiotto di sushi.