Come fare foto in bianco e nero con Photoshop o altri editor di immagini

Nell'articolo precedente abbiamo parlato di uno strumento multifunzione basato sulla combinazione di HSL/Color/B&W. Oggi andremo a parlare del B&W ovvero di come fare foto in Bianco e Nero. Occorre prima precisare che negli elaboratori RAW la conversione standard in bianco e nero non fa assolutamente perdere di qualità l'immagine. E' possibile tuttavia migliorarne ulteriormente la resa attraverso vari piccoli accorgimenti. 1) Regola base per le foto in bianco e nero è quella di avere sempre un soggetto che possa creare contrasto. Più semplicemente, in una foto in bianco e nero i contrasti tra i colori dei vari soggetti sono importantissimi, dunque forme e "colori" vanno messi ancor più in risalto che nelle normali fotografie. Per questo motivo consigliamo sempre di scegliere, per la conversione in bianco e nero, foto con colori contrastanti. 2) Se si parla di ritratti e volti, a meno che non vogliate ottenere una resa particolare del soggetto, consigliamo di tenere sempre i livelli di colore (Rossi, Gialli, Ciano, Magenta, Blu e Verdi) press'a poco uno vicino all'altro. 3) Per scegliere un colore preciso da modificare basta cliccare nella foto sul punto desiderato adoperando il cursore Target Adjustment e scorrere con il mouse verso l'alto o verso il basso per regolare la luminanza del colore scelto (se per esempio voglio rendere grigio e tempestoso uno splendido mare azzurro, potrò regolarne la luminanza in negativo facendolo tendere al nero una volta effettuata la conversione in bianco e nero). 4) Nella maggior parte degli editor RAW vi vengono comunque forniti anche dei comodi preset da utilizzare in caso di dubbio o inesperienza nel campo del bianco e nero. Non abbiate paura di adoperarli!
Questo articolo è stato pubblicato in Fotografia e contrassegnato come , , , , , , , , , da Box . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su Box

Ciao, mi chiamo Box. O meglio, gli amici mi chiamano Box (il mio nome l'ho scordato da tempo). Mi chiamano così perchè porto una scatola in testa. Quando ero piccolo la mamma mi diceva sempre "non lasciarti scappare le idee che ti vengono, ma realizzale! E' importante avere delle idee, dei sogni...i sogni sono ciò che ti rende diverso dagli altri". Così da allora mi sono messo una scatola in testa, in modo che se un'idea avesse provato a scappare non ce l'avrebbe fatta, perché sarebbe rimasta bloccata nella scatola, e non l'avrei mai più dimenticata. Il mio nome, quello l'ho dimenticato! Deve essere volato via dalle fessure degli occhi, a volte mi capita... Mi piacciono le lunghe passeggiate in posti sperduti, amo viaggiare ed ascoltare musica caricante da sparare a tutto volume in cuffia e adoro fare foto. Sembro timido ma se prendo confidenza divento un tipo super simpatico con cui poter fare grandi conversazioni. Sono eccentrico, stravagante e sbadato. Vado matto per misteri e curiosità! Sono ghiotto di sushi.